Energie rinnovabili

http://www.repubblica.it/economia/2012/04/01/news/le_tariffe_pronto_il_piano_del_governo_per_fermare_il_caro-bolletta-32552094/

Un ulteriore esempio di come in Italia non si riesca a fare una pianificazione economica a medio e lungo termine.
Sono anni che si parla di liberalizzazione del mercato dell’energia, ovviamente a discapito dei due colossi ENEL e ENI, anni che passano molto lentamente sul fronte degli effettivi passi avanti.
Allo stesso tempo negli ultimi anni si sono susseguite leggi per incentivare le energie rinnovabili (EOLICO, FOTOVOLTAICO, SOLARE TERMICO, Etc.. ), che annualmente fissavano gli sgravi di chi decideva di investire in questo mercato.

Gia nella scorso esecutivo sono stati ridotti drasticamente questi incentivi (nonostante li avesse fissati l’esecutivo stesso), ora se ne torna a parlare, perchè risulta che la crescita di questi impianti sta creando dei problemi ai conti, il costo dello sviluppo delle fonti rinnovabili SEMBRA incidere troppo sulla bolletta economica.

(piccola parentesi: le nostre centrali elettriche hanno abbastanza potenza da coprire il fabbisogno interno, ma nonostante ciò e nonostante la crescita degli impianti per le energie rinnovabili sia tale da coprire il 20% del nostro fabbisogno, fonte GSE:http://www.gse.it/it/Conto%20Energia/GSE_Documenti/Fotovoltaico/05%20Risultati%20incentivazione/TOTALE_DEI_RISULTATI_DEL_CONTO_ENERGIA.pdf
…….. compriamo ANCORA corrente elettrica NUCLEARE, da Francia e Svizzera…
ASSURDO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!)

Senza entrare troppo nel dettaglio di questi conti, mi chiedo:
— Un privato che decide di investire 10000 euro per un impianto fotovoltaico per i propri consumi, stimando un rientro in 5/6 anni sarà cautelato oppure si vedrà tagliare gli incentivi che una precedente legge gli garantiva?
— Un azienda ITALIANA, che ha investito in macchine per produrre pannelli per il FOTOVOLTAICO\SOLARE TERMICO, e\o in una struttura interna per montarli e manutenerli, molto probabilmente avrà chiesto un prestito ragionando sulle opportunità di lavoro che il mercato 2 anni fa avrebbe offerto. Se ora le regole cambiano? come farà fronte agli oneri bancari? come si dovrà comportare con gli operati assunti?

Passano 1\2 anni…. la politica economica-finanziaria viene ribaltata dagli esecutivi (anche lo stesso), che rincorrono i mercati (con affanno)… e il lavoro delle aziende (o i risparmi dei privati) va a puttane.

E mi parlate ancora di Art. 18. ?

Annunci

~ di eudaemon72 su 2012.04.01.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: